TINTEGGIA A IMPATTO ZERO

Per dare nuovo colore alle tue pareti, scegli una vernice ecologica

pittura ecologica, vernice naturaleEsistono “pitture buone” e “pitture meno buone” nei confronti dell’ambiente che ci circonda e della nostra stessa salute.

Le pitture “meno buone” sono quelle contenenti derivati dal petrolio o solventi organici (quali lo xilolo o diclorometano), dannosi per il nostro sistema nervoso. Le vernici “buone”, invece, sono quelle ecologiche, ovvero prive di sostanze tossiche.

Come riconoscere una vernice ecologica?

1. dall’etichetta: i prodotti naturali indicano sempre i loro componenti, tra i quali troviamo emulsionanti come acqua, carbonato di calcio naturale, caseina del latte, colla di pesce, amido. Oppure le vernici ecologiche possono contenere pigmenti naturali come estratti di fiori o vegetali, terre naturali e ossidi senza metalli pesanti.

2.dalla presenza sulla confezione del marchio Bioedilizia Italiana, conferma che il prodotto risponde alle caratteristiche esposte in etichetta e che gli ingredienti sono naturali ed ecologici al 100%.

La vernice ecologica non è né lavabile né smacchiabile; ha però il vantaggio di non emettere esalazioni tossiche, di essere inodore e di avere una resa più alta (dai 10 ai 15 mq per litro VS 7/8 di una pittura tradizionale).

Attenzione: in guardia dai prodotti ecofurbi, che utilizzano diciture ambigue come “vernice a basso impatto ambientale”, ma in realtà sono privi di qualsiasi certificazione.

Pennello in mano, e via di corsa a rinfrescare le pareti con una vernice ecologica! 

TINTEGGIA A IMPATTO ZEROultima modifica: 2013-06-18T21:56:00+00:00da ermange1
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento