EMERGENZA RIFIUTI PER LE MALDIVE.

Un’isola-discarica accanto ai più famosi resort turistici.

isola pattumiera.jpg

Accade anche qui purtroppo, non solo nella nostra bella Napoli. Mentre il resto del mondo prenotava ignaro le proprie vacanze, nel cuore di uno degli arcipelaghi tropicali più belli al mondo stava crescendo una pericolosa discarica che ora è arrivata ad occupare un’intero atollo.

Si chiama Thilafushi il problema principale degli ambientalisti maldiviani: è un’isoletta lunga circa 7 km e larga 100 m composta da una vera e propria montagna di rifiuti dove ogni giorno materiali elettronici, batterie e cellulari vengono inceneriti senza i dovuti accorgimenti. Inizialmente doveva essere destinazione dei rifiuti prodotti dalla capitale di Malè, ma col tempo e l’aumentare del turismo è diventata la discarica dell’intero arcipelago con conseguenze allarmanti per la salute ambientale ed umana. Nubi tossiche a parte (che non mi sembra comunque poco!!) il progressivo innalzamento dei livelli delle acque rischia di sommergere le ultime terre emerse delle Maldive, disperdendo nell’ambiente marino tutti i rifiuti accumulati su Thilafushi.

Il merito di aver portato alla luce quest’ultimo disastro ambientale va a Blue Peace, l’associazione che da vent’anni si batte per mantenere intatta la meraviglia del paradiso maldiviano. E al quotidiano inglese The Guardian che ha denunciato il caso (vedi l’articolo). Cerchiamo che questo genere di notizie non restino più nell’ombra!

EMERGENZA RIFIUTI PER LE MALDIVE.ultima modifica: 2009-01-19T15:05:00+01:00da ermange1
Reposta per primo quest’articolo

2 pensieri su “EMERGENZA RIFIUTI PER LE MALDIVE.

  1. Come è noto, uno degli effetti della globalizzazione è il turismo di massa. Un flusso di uomini da una regione di generazione ad una di destinazione che purtroppo, come in questo caso, non coincide con il flusso della coscienza umana e responsabile. Vi consiglio di guardare il video documentario “Il paradiso perduto”, andato in onda il 7 novembre 2007 durante il programma televisivo della Rai “C’era una volta”.

    http://www.rai.tv/mpplaymedia/0,,RaiTre-Ceraunavolta%5E17%5E42088,00.html

Lascia un commento