SPEGNIAMO LE LUCI!

Piccoli accorgimenti per la giornata del risparmio energetico.

m'illumino di meno.jpg

Dopo il successo degli scorsi anni, ritorna oggi l’appuntamento con il risparmio energetico, grazie alla campagna M’illumino di meno lanciata dal programma Caterpillar in onda su Radio2. Un’occasione per riflettere sugli eccessi della nostra vita quotidiana e sui comportamenti corretti da adottare per rispettare l’ambiente e risparmiare contemporaneamente sulla bolletta (e sicuramente non guasta di questi tempi!). Ecco allora una serie di consigli utili per trasformare l’ecosostenibilità nella nostra quotidiana routine:

  1. Spegnere le luci quando non servono;
  2. Non lasciare in stand by gli apparecchi elettronici;
  3. Tenere i termosifoni ad un max di 20° e liberi da tende che riducono la diffusione del calore;
  4. Coprire gli spifferi di porte e finestre con materiale che non lasci passare aria;
  5. Sbrinare frequentemente il frigorifero;
  6. Mettere il coperchio sulle pentole quando si bolle l’acqua ed evitare che la fiamma sia più ampia del fondo della pentola.

E per aderire all’iniziativa è sufficiente spegnere le luci a partire dalle 18 di questa sera! Ceniamo quindi a lume di candela o riduciamone l’utilizzo allo stretto necessario. Pare che lo scorso anno l’iniziativa abbia coinvolto numerose piazze italiane ed europee che si sono “illuminate di meno” per rispetto al nostro pianeta: il Colosseo, la Fontana di Trevi, il Palazzo del Quirinale, l’Arena, Piazza San Marco, Palazzo Vecchio, il Duomo di Milano e la Scala hanno comunicato la loro adesione alla giornata del risparmio energetico. Vediamo cosa succede quest’anno!!

SPEGNIAMO LE LUCI!ultima modifica: 2009-02-13T07:30:00+01:00da ermange1
Reposta per primo quest’articolo

2 pensieri su “SPEGNIAMO LE LUCI!

  1. Fatto tutto 😉 come anno scorso aderito in pieno, forse con meno candele, però… 😉

    e adesso è la volta di Lascio l’auto a piedi!

    Salve a tutti, scusate l’off topic, ma volevo segnalarvi una l’iniziativa “Lascio l’auto a piedi!”:
    Si tratta di una proposta: al contrario di irragionevoli e male organizzate domeniche ecologiche, l’intento è quello di avere una presa di cosceinza dal basso, personale, che è ben possibile e bello camminare per le strade, lasciare che la propria mente vaghi nella propria città alla ricerca degli angoli storici, culturali, è ancora possibile (ma per quanto?) respirare a pieni polmoni le nostre città.
    Per questo l’idea di una giornata senza auto, non imposta, ma decisa, senza controindicazioni, ognuno libero della propria scelta, prevista per il 28 febbraio (ovvero a un mese e 123 anni di distanza dal primo brevetto auto).
    Stanno già aderendo in molti, l’iniziativa sta facendo il giro di internet e tra gli altri ha aderito anche Sergio Staino, con una vignetta carinissima.

    Lascio qui i link al lancio dell’iniziativa:http://riciardengo.blogspot.com/2009/01/lascio-lauto-piedi.html
    alla vignetta di Staino: http://riciardengo.blogspot.com/2009/02/sergio-staino-per-lascio-lauto-piedi.html
    l’adesione di Margherita Hack: http://riciardengo.blogspot.com/2009/02/margherita-hack-per-lascio-lauto-piedi.html
    e al jingle-colonna sonora della giornata:http://riciardengo.blogspot.com/2009/02/slow-foot-cantate-cantate-cantate.html

    E’ come un esperimento, per dire, vediamo quanto possa valere il web, quanto la gente da sola, con alle spalle questo fantastico strumetno che è la rete, può riuscire ad organizzarsi.

    Grazie per l’attenzione,

    Riccardo Tronci, di Riciard’s

Lascia un commento