RICOSTRUIRE L’ABRUZZO

Agevolazioni per una rinascita eco e biocompatibile

kerma biopietra abruzzo.jpg

Dopo i tragici avvenimenti accaduti in Abruzzo, nel post del 10 aprile scorso auspicavo che la data del sisma potesse diventare l’inizio di uno sviluppo urbano eco e biocompatibile nei territori colpiti. L’idea era di avvicinare il destino de L’Aquila a quello di Greensburg (vedi post del 30 ottobre 2008), cittadina del Kansas distrutta da un tornado e ricostruita interamente secondo le tecniche della bioedilizia: fonti rinnovabili, risparmio energetico, materiali riciclati ed ecocompatibili.

A quasi due mesi di distanza, ritorno nuovamente sul tema per riportavi un’interessante iniziativa segnalata al mio indirizzo mail. Kerma – azienda leader nella produzione di materiali per la bioedilizia – offre alle imprese edili abruzzesi una fornitura di biopietra a condizioni economicamente vantaggiose. Essendo un materiale composto esclusivamente dai resisui derivanti dalla lavorazione del marmo e del porfido, l’utilizzo della biopietra in Abruzzo potrebbe contribuire ad una ricostruzione dell’area terremotata in modo eco e biocompatibile.

Augurandomi che qualcuno possa trarre beneficio da questa iniziativa, vi lascio questo indirizzo mail per richiedere ulteriori informazioni: ricostruzioneabruzzo@kerma.it

RICOSTRUIRE L’ABRUZZOultima modifica: 2009-05-27T09:33:00+02:00da ermange1
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento