ECOSIA: IL MOTORE DI RICERCA GREEN

Ad ogni click dona 0,08€ ad un progetto del WWF in Amazzonia

ecosia.jpg

E’ stato inaugurato lo scorso 9 dicembre, in occasione del conferenza sul clima di Copenhagen, per fornire a tutti i navigatori un’alternativa etica ed ecologica alle tradizionali ricerche online. Come? Trasformando il business generato dai grandi motori come Google e Bing in una grande raccolta fondi a favore della foresta pluviale in Amazzonia.

Ecosia – questo il nome del nuovo motore – funziona esattamente come tutti gli altri: accanto ai risultati di ricerca compaiono infatti i link sponsorizzati dalle aziende. La differenza sostanziale sta negli accordi di “sponsor”. Ad ogni click ricevuto, le aziende sponsorizzate versano 1 centesimo di euro ad Ecosia che ne devolve l’80% ad un programma del WWF per la protezione della foresta pluviale amazzonica (sulla situazione in Amazzonia vedi post del 04.09.09).

Secondo i calcoli di Kroll (uno dei fondatori di Ecosia, supportato tecnologicamente anche da Bing e Yahoo) ogni ricerca con Ecosia contribuirà a salvare in media 2mq di foresta: “Se solo l’1% degli utenti di internet utilizzasse Ecosia, ogni anno si potrebbe salvare una foresta pluviale grande quanto la svizzera”. http://ecosia.org

ECOSIA: IL MOTORE DI RICERCA GREENultima modifica: 2010-02-24T13:50:58+01:00da ermange1
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento