VAUBAN: LA “CITTA’ VERDE”

Non solo Findhorn e Greensburg: crescono i modelli di sviluppo urbano sostenibile

vauban.JPG

Devo constatare con molta felicità che questa categoria – “Realtà da imitare” – si sta facendo ogni giorno più ricca di spunti e modelli a cui ispirarsi. Accanto a Findhorn e Greensburg, le due cittadine simbolo dello sviluppo urbano sostenibile, ho avuto  infatti la fortuna di parlare su questo blog di numerose altre realtà che hanno trovato nell’ecologia la chiave di svolta per il proprio futuro: associazioni che promuovono la sostenibilità, enti ed università che progettano soluzioni per la crescita eco e bio-compatibile, aziende che fanno business nel rispetto di ciò che le circonda.

Ed oggi, questo “archivio” in costante crescita, da cui mi auguro ognuno di noi possa trovare ispirazione, si arricchisce di una nuova testimonianza che sviluppo urbano, crescita economia e sostenibilità sono tre elementi che possono coesistere nel nostro presente e, soprattutto, nel nostro futuro. Vauban, un quartiere a pochi chilometri da Friburgo nel sud-ovest della Germania insegna: 5.300 persone possono vivere con poco più di 350 auto e in 2.000 appartamenti costruiti con le moderne tecnologie del risparmio energetico. Questa “città solare” o “città verde”, come viene spesso definita, è la prova vivente che tutto ciò può funzionare e provocare anche un notevole indotto economico: molte case generano infatti un più di energia che viene venduta alle compagnie, mentre le università vicine stanno sviluppando la ricerca sull’energia solare in collaborazione con le aziende del comparto, che si sono moltiplicate, ed attirano ogni giorno pulman di professionisti e studenti curiosi di vedere da vicino questo nuovo modo di abitare.

Perchè infatti “qui ha preso forma un modello nuovo, la testimonianza concreta” – dicono gli abitanti – “che esiste un’alternativa al consumo del territorio e dell’energia”.

VAUBAN: LA “CITTA’ VERDE”ultima modifica: 2010-05-10T09:57:00+02:00da ermange1
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento