ECOVILLAGGI: ANCHE IN ITALIA

E’ il caso di Granara vicino a Parma, di Noceto in provincia di Siena e di…

granara-06.jpg

Vi ricordate di Findhorn (vedi post “Findhorn” del maggio 2009), l’eco-villaggio scozzese “dove le regole di convivenza sono mosse unicamente dall’amore della natura”? Ebbene, questa sorta di società utopica – a quanto pare – si sta diffondendo sempre più in tutta Europa. Dati alla mano, la Rete Italiana Villaggi Ecologici (RIVE) segnale che sono ben 250 le comunità come Findhorn in Gran Bretagna e Irlanda, oltre 100 in Germania e (udite udite) almeno 20 in Italia.

Dove? In provincia di Parma, ad esempio. Granara è “un luogo dove comandando la natura e i suoi elementi” e dove una comunità di poche decine di persone ha dato vita ad un progetto sociale che rappresenta un modello in Italia. Tutto è iniziato verso la fine degli anni Ottanta in un vecchio borgo abbandonato, che è stato ristrutturato secondo i principi della bioedilizia e trasformato in un villaggio di case alimentate quasi interamente ad energia rinnovabile (fotovoltaico ed eolico) e dotate di gabinetti a compostaggio a secco. Qui, alcuni dei suoi fondatori vi risiedono in forma stabile, mentre altri partecipano alle numerose attività sorte negli anni per promuovere la cultura della sostenibilità. E’ il caso dell’Associazione Centopassi, un gruppo di educazione ambientale che organizza laboratori didattici e campi estivi per bambini e ragazzi. E l’Associazione Teatro Granara, promotrice di un festival annuale che attira ogni estate sempre più partecipanti.

E Granara non è l’unico esempio. Per chi volesse saperne di più su questi “eco-villaggi” guardate qui:

www.mappaecovillaggi.it/default.asp

ECOVILLAGGI: ANCHE IN ITALIAultima modifica: 2010-12-21T09:07:00+01:00da ermange1
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento