QUARTIERI CAR FREE

Altro che isole pedonali. Oltre i nostri confini si stanno diffondendo interi quartieri senz’auto

GWT TERREIN.jpg

La città ai nostri piedi. E’ questo il titolo dell’ultimo dossier realizzato da Legambiente e ACI sulle aree pedonabili presenti nei nostri comuni italiani trent’anni dopo il primo intervento di pedonalizzazione comunale (era il 1980 e l’are in oggetto era il Colosseo!). E l’occasione è buona per guardare anche un po’ al di là dei nostri confini e sbirciare cosa fanno i nostri vicini d’oltralpe.

Mentre i nostri comuni sono fermi a 34 mq di zone interdette al traffico motorizzato ogni 100 abitanti, le altre città europee stanno sperimentando con successo da tempo la vità in quartieri pedonabili al 100%. E’ il caso, ad esempio, dell’Autofrei Siedlung di Vienna: un’area residenziale dove vivono 600 famiglie che si sono impegnate per iscritto, al momento della sottoscrizione del contratto, a rinunciare all’auto privata. Ma anche di GWL Terrein ad Amsterdam, il quartiere “car free” forse più vecchio e che risale agli inizi degli anni Novanta. Qui vivono circa 1.000 persone circondate soltanto da edifici, sentieri, piste ciclabili e prati. E ce ne sono ancora: BedZed a Londra, Slateford Green a Edimburgo, Malmo in Svezia etc.

Tutto il dossier a questo link: “La città ai nostri piedi

QUARTIERI CAR FREEultima modifica: 2011-01-04T10:14:00+01:00da ermange1
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento