Riciclaggio dell’alluminio : Italia terza al mondo

Riciclaggio alluminioOltre il 72% dell’alluminio in circolazione in Italia proviene dal riciclo di imballaggi.

46.500 tonnellate di imballaggi riciclati in alluminio significano meno emissioni di gas serra, per un totale di 371 mila tonnellate di CO2 e risparmio di energia per oltre 160 mila tonnellate equivalenti petrolio.

Sono questi i numeri che eleggono l’Italia come il primo paese europeo per la produzione di alluminio riciclato, secondi al mondo solo a Giappone e Stati Uniti. Un risultato che non è solo merito dei cittadini più ecologicamente attenti, ma anche di un sistema progettato dal Politecnico di Milano che permette di recuperare alluminio dalla raccolta indifferenziata (come per esempio carte stagnole che avvolgono yogurt e cioccolata).

Una volta selezionati, i materiali vengono pressati e inviati alle fonderie, dove vengono controllati e portati prima a 500, poi a 700 gradi. A questa temperatura avviene la fusione, l’alluminio diventa liquido e trasformato in lingotti, pronto per essere lanciato sul mercato.

La raccolta degli imballaggi in alluminio avviene in oltre 5800 comuni italiani, con quindici fonderie sul territorio nazionale che garantiscono raccolta, trattamento e riciclo dello stesso.

Un buon motivo per sorridere!

Riciclaggio dell’alluminio : Italia terza al mondoultima modifica: 2012-03-15T12:55:00+01:00da ermange1
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento