Non più stelle, ora gli hotel si giudicano in foglie

Dalle stelle alla foglie.

Stay for the planetIl nuovo modello Stay for the planet rivede in chiave green la classificazione degli hotel : da una a cinque foglie a seconda della sostenibilità ambientale della struttura alberghiera.

Questo modello di classificazione dello sviluppo sostenibile, dedicato al settore alberghiero e proposto da LifeGate, è già adottatato dalle strutture della Best WesternItalia ma è aperto a ogni struttura alberghiera che voglia aderire a sensibilizzare i propri clienti sul tema.

La classificazione in foglie si basa sulla media realizzata in cinque settori: energia, acqua, rifiuti, acquisti, comportamenti. A seconda del punteggio raggiunto dagli hotel, viene assegnato un determinato numero di foglie. «Gli albergatori possono avere indicazioni utili per ridurre sprechi, inefficienze e costi», dice Simone Molteni, direttore scientifico di LifeGate. «Il nostro obiettivo è quello di ridurre entro il 2014 del 20% le emissioni di CO2 a presenza», ha assicurato Celso De Scrilli, presidente di Best Western Italia.

Il modello punta alla diffusione di stili di vita sostenibili tra le persone, anche e soprattutto quando queste diventano turiste per il mondo.  Valutare l’impatto ambientale degli hotel fornisce un valido metodo per migliorare la sostenibilità della struttura, il che si traduce in un consistente risparmio energetico.

Non più stelle, ora gli hotel si giudicano in foglieultima modifica: 2012-04-11T16:01:00+02:00da ermange1
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento